• Redazione Federpomm

DM unico sui Consulenti Finanziari: Federpromm e Opec Financial hanno inviato delle osservazioni

Si è chiuso ieri 22 novembre il termine ultimo per la presentazione delle osservazioni al documento in pubblica consultazione del MEF - Dipartimento del Tesoro -sullo schema del decreto ministeriale   riguardante i requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimonialità allo svolgimento dell'attività di consulenza in materia di investimenti da parte dei consulenti finanziari iscritti al relativo albo professionale (OCF). 

La Federazione intercategoriale Federpromm della Uiltucs e l'Organizzazione professionale di livello Europeo dei Cf autonomi, Opec Financial, nel condividere l'impianto generale dello schema unico del Decreto, hanno tuttavia espresso a firma del presidente Marucci  alcuni rilievi circa i requisiti di professionalità, laddove all'articolo 4,comma 2 del testo vengono definite "le competenze professionali" dei Cf come semplice "conoscenza specialistica in materie giuridiche,economiche,finanziarie e tecniche". Infatti si precisa nella nota inviata al Mef  - richiamandosi alle indicazioni espresse  recentemente dal dr. Gaetano Megale - che le cd "conoscenze specialistiche" in capo a tali professionisti rappresentano "solo" una variabile significativa della "competenza professionale" che va invece inquadrata attraverso una serie di elementi strutturali, di natura psicologico-comportamentali, funzionali al controllo sulle attività cognitive dello stesso consulente finanziario. In particolare - si sottolinea nella nota - tali variabili riguardano: 

la struttura dei modelli riferiti alle conoscenze e abilità collegate alla attività svolta;l’abilità di expertise intesa come un insieme di funzioni sviluppate in un ambiente tramite una lunga pratica accompagnata da elevati livelli motivazionali;funzioni a livello comportamentale sulle attività cognitive attraverso una pianificazione strategica e di abilità a produrre relazioni appropriate nella situazione di lavoro;non trascurando in ultimo i vari aspetti delle competenze legate ai valori etici, ovvero la capacità di mettere in atto e sviluppare con consapevolezza comportamenti coerenti con i principi etici della professione cercando di attenuare e gestire eventuali conflitti di interesse con la potenziale clientela.

In questa prospettiva e dimensione, si sottolinea, come sia utile fare riferimento a quanto già definito dal Quadro Europeo delle Qualifiche (EDF) che definisce in maniera molto concisa ed efficace il livello di "competenza professionale" come: “comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche in situazione di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale”. Ciò amplifica - secondo il parere condiviso da Federpromm ed Opec Financial - la gamma delle declaratorie delle funzioni legate ed una visione più organica e rispondente alle dinamiche richieste dal mercati e riferite a tali operatori finanziari, attraverso un processo organico di conoscenze, di abilità, di responsabilità ed autonomia, di sforzo ergonomico, di titoli acquisiti e responsabilità conseguenti, nonché la competenza riferita all’aspetto etico-valoriale del professionista. Quest’ultima sviluppata anche con riferimento ad un codice etico già ampiamente collaudato ed accettato dalla comunità finanziaria. Inoltre sulle politiche in materia di investimento, è stato suggerito dalle stesse Organizzazioni Federpromm e Opec Financial, in sintonia con quelle dello stesso G.Megale,  come requisito professionale rispetto alle competenze sia modificato con l'espressione più moderna e cioè: come " pianificazione finanziaria, economica e patrimoniale personale”. 

Infine è stato suggerito di identificare meglio le qualifiche di inquadramento al punto c) dello stesso articolo 4 poiché non essendo stato richiamato il personale delle Poste, tali qualifiche rispetto a quelle del settore creditizio, hanno un inquadramento giuridico-contrattuale diverso.

Post recenti

Mostra tutti

In ricordo dell'amico Mario Incrocci

Il 1 agosto di un anno fa è venuto a mancare improvvisamente l’amico e collega Mario Incrocci. Un amico,  di lunga data conosciuto fine anni ’80 in occasione del varo della legge sulle società di inte

© Copyright 2019 Federpromm - affiliata UILTuCS. All rights reserved. | C.F. 96259690582 | - Disclaimer | Privacy Policy |